ricerca

Sperimentazioni di nuovo in aumento in Italia

Dopo il calo del 2017, il numero totale delle sperimentazioni presentate in Italia nel 2018 è tornato ai livelli degli anni precedenti, pur in un contesto di costante contrazione delle sperimentazioni globali europee, che ha portato a un incremento dei trial condotti nel nostro Paese rispetto al resto d’Europa di oltre il 20%. È quanto…

Leggi tutto

Scoperto il meccanismo di inibizione del trasporto del rame da parte di farmaci antitumorali a base di platino

CANCER RESEARCH.jpg 261665877

Il cisplatino è un farmaco antitumorale utilizzato da oltre 40 anni e, assieme al carboplatino e all’ossaliplatino, entra in gran parte dei protocolli chemioterapici. Solo una piccola parte del farmaco raggiunge però il nucleo della cellula malata danneggiandone il Dna, mentre quella restante può interferire con altri processi vitali ed eventualmente indurre resistenza, con conseguente…

Leggi tutto

Tumori: studio ISS su nuovo farmaco in grado di “addormentare” le cellule neoplastiche

B0006421 Breast Cancer Cells

Un nuovo farmaco antitumorale in grado di neutralizzare le cellule cancerogene è stato creato dall’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Università Alma Mater di Bologna e l’Università Cattolica, e i risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Cell Death and Disease. Lo studio, reso possibile grazie ai finanziamenti dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul…

Leggi tutto

Sclerosi multipla: nuova luce sul ruolo della microglia nella riparazione della mielina

Sclerosi

La sclerosi multipla è una malattia neurologica progressiva caratterizzata da infiammazione cronica del tessuto cerebrale e da lesioni alla guaina mielinica che avvolge i prolungamenti nervosi garantendone l’integrità e consentendo la trasmissione veloce dei segnali. È opinione comune che la microglia, le cellule immunitarie del sistema nervoso, contribuiscano al danno, esercitando un effetto diretto sugli…

Leggi tutto

Tumor immunology unit e leucemia linfatica cronica, un progetto di Toscana Life Sciences

2048px Cancer Cells 1 1281x612

Tumor Immunology Unit è uno degli ultimi progetti attivati presso la Fondazione Toscana Life Sciences, realizzato grazie al programma “My First AIRC Grant” della Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Il progetto su cui la Unit lavora prende il nome di “Dissecting ILT3 biology to understand tumor suppression in B cell chronic lymphocytic leukemia”….

Leggi tutto

Fondazione Telethon stanzia 11 milioni di euro per la ricerca sulle malattie rare

Immagine3

La Fondazione Telethon ha messo a disposizione 11 milioni di euro per le malattie rare. I fondi permetteranno di finanziare 35 progetti e sostenere il lavoro di 50 gruppi di ricerca in Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino-Alto Adige e Veneto. Al bando di concorso 2019 hanno risposto 326…

Leggi tutto

Sarcoidosi: riconoscimento mondiale per la AOU Senese, già parte della rete europea per le malattie rare

Uoc Malattie Respiratorie

Il centro Malattie respiratorie e trapianto polmonare dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese è stato individuato come punto di eccellenza e di riferimento internazionale per la sarcoidosi dalla WASOG, World Association for Sarcoidosis and Other Granulomatus Disorders, la più importante organizzazione scientifica che si occupa di sarcoidosi nel mondo. «Siamo uno dei pochi centri europei a fregiarsi di questo riconoscimento – afferma…

Leggi tutto

Siena Imaging vince la prima edizione del Premio Roche HealthBuilders con SI.Nlab

Premiazione Siena Imaging

Spin-off dell’Università di Siena e realtà incubata in Toscana Life Sciences (TLS), Siena Imaging si è aggiudicata un programma di mentoring del valore di 200.000 euro. A ritirare il premio, Marco Battaglini, ricercatore presso l’Università di Siena e oggi amministratore delegato e co-fondatore di Siena Imaging, il premio Roche HealthBuilders, il primo programma di Open…

Leggi tutto

Segnali di preavviso ambigui rallentano l’EEG

Eeg

Studi precedenti in letteratura hanno indicato che il ritmo di scarica elettrica oscillatorio del cervello a 8-12 Hz (o cicli al secondo, c/s), osservato nell’elettroencefalogramma (EEG) e denominato ritmo α (Fig. 1) è strettamente coinvolto nella regolazione funzionale dei circuiti cerebrali di allerta e di orientamento dell’attenzione nello spazio visivo. Le evidenze più recenti indicano…

Leggi tutto