Soluzioni anti-contagio: finanziati i primi progetti da Regione Emilia-Romagna

Sono 30 i progetti ammessi a contributo, relativi alla prima call del bando regionale, dal costo complessivo di 4,2 milioni di euro, a cui la Regione contribuirà attraverso Fondi europei Por Fesr con 3,1 milioni di euro.

Protocollo Anticontagio 845x321

Le tre call, effettuate dalla Regione a partire dal 27 aprile 2020, hanno portato alla presentazione di ben 199 i progetti da parte di imprese e laboratori di ricerca: 153 presentati da imprese e 46 da laboratori della Rete regionale Alta Tecnologia, per un valore complessivo di oltre 25 milioni di euro e un contributo richiesto di 19,5 milioni. Una dimostrazione di grande creatività e soluzioni altamente innovative per contrastare la pandemia.

Dei 30 progetti, 27 sono stati presentati da imprese (di cui 19 fra micro e piccole imprese) e 3 da laboratori della Rete Alta Tecnologia.

Nuovi tipi di mascherine protettive, braccialetti elettronici per la gestione dei parametri vitali e del distanziamento, pellicole antibatteriche e antivirali, imballaggi monouso per disinfettanti, respiratori a basso costo, sistema di controllo e gestione accessi agli impianti sportivi con controllo di temperatura: sono alcune delle soluzioni innovative studiate da aziende e laboratori di ricerca dell’Emilia-Romagna per la messa a punto di prodotti, servizi, soluzioni tecnologiche per contrastare l’epidemia da Covid-19.

I progetti saranno monitorati e dovranno concludersi entro 6 mesi dall’approvazione del finanziamento.

Fra i progetti vincitori del finanziamento anche la soluzione presentata da AFERETICA srl, azienda della provincia di Bologna e socio del Clust-ER, per l’ identificazione e validazione della proteina Pancreatic Stone Protein (PSP) come marker di diagnosi precoce di sovra-infezioni batteriche in pazienti affetti da COVID-19. 

Per vedere gli altri progetti finanziati clicca qui.