Coronavirus: dal tabacco selvatico nuove prospettive di cura del COVID-19

7c5546f3 Ef71 4985 99a7 180e4c285567

Realizzare vaccini e biofarmaci contro il virus responsabile del COVID-19 attraverso il  sequenziamento del DNA del tabacco selvatico.

Un consorzio internazionale coordinato dalla Queensland University of Technology di Brisbane (Australia) e composto da 4 centri di ricerca, tra cui ENEA, ha messo a disposizione della comunità scientifica mondiale, impegnata contro il coronavirus, il genoma decodificato della Nicotiana benthamiana, pianta originaria dell’Australia ampiamente utilizzata nella produzione di biofarmaci (ad esempio contro l’Ebola) che rappresentano una branca delle biotecnologie nota come molecular farming.

Lo studio è stato condotto nell’ambito del Progetto Newcotiana, finanziato dal programma europeo Horizon 2020 con oltre 7 milioni di euro, che comprende in tutto 19 partner.

Per maggiori informazioni vai al link.