Ivascomar

Identificazione, validazione e sviluppo commerciale di nuovi biomarcatori diagnostici e prognostici per malattie complesse.

I biomarcatori sono strumenti essenziali per permettere una diagnosi precoce, per identificare lo stadio di malattia e per valutare l’efficacia terapeutica.

Il progetto IVASCOMAR è focalizzato sull’identificazione, la validazione e lo sviluppo commerciale di biomarcatori, sia diagnostici che prognostici, per le malattie di Alzheimer e Parkinson, per la sclerosi multipla e per il diabete, tutte condizioni patologiche croniche con alta incidenza ed elevati costi sociali.

Grazie alle sinergie createsi tra i soggetti coinvolti, si è generata una “filiera della ricerca” in cui gli enti di ricerca e le università producono una pipeline di molecole che sono poi validate come biomarcatori grazie all’intervento delle imprese.

A conclusione del processo è attesa la produzione di proprietà intellettuale che possa tradursi in strumenti prognostici e diagnostici da proporre al mercato biotecnologico e farmaceutico o da sfruttare per la creazione di imprese di startup.

Parte integrante del progetto è la formazione di figure professionali ad alta specializzazione tecnico-scientifica in ambito biotecnologico e farmaceutico, con competenze specifiche negli aspetti economico-gestionali d’impresa.

Capofila: Dompè

Partners: Sentinel, Primm, Colosseum Combinatorial Chemistry Centre for Technology, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Università Vita-Salute San Raffaele, Fondazione Centro San Raffaele

Responsabile di progetto: Giancarlo Comi (San Raffaele)

Responsabile Amministrativo: Daniele Zacchetti (San Raffaele)

Responsabile Formazione: Fabio Grohovaz (San Raffaele)