Presentazione dei Cluster Nazionali in Confindustria a Roma

IMG 1720

Si è tenuta a Roma il 14 maggio scorso, presso la sede di Confindustria, la presentazione pubblica del 12 Cluster Tecnologici Nazionali.

Presenti il Vice Ministro del MIUR Lorenzo Fioramonti e il Sottosegretario del MISE Andrea Cioffi che hanno introdotto i lavori. Ambedue hanno evidenziato la necessità di “fare sistema” per dare impulso alla ricerca e all’innovazione nel nostro Paese.

Il Vice Ministro Fioramonti ha informato la platea che i finanziamenti per i Cluster, di cui abbiamo dato notizia nel corso del mese di marzo, hanno avuto il via libera dalla Corte dei Conti. Questo, accanto all’intenzione di far crescere i fondi destinati alla ricerca e all’innovazione oggi troppo bassi, indica l’importanza che l’esecutivo dà a queste tematiche.

Un alto livello della ricerca è inoltre un biglietto da visita per attrarre gli investimenti internazionali, e l’Italia ha tutte le caratteristiche per essere un leader a livello continentale.

È indispensabile, hanno concluso i due esponenti del Governo, lavorare tutti assieme, fare sistema, migliorare il partenariato pubblico-privato, creando un percorso convergente anche tra i diversi Ministeri competenti. È infatti indispensabile che tutti i soggetti coinvolti lavorino in parallelo e in sinergia senza sovrapporsi. Proprio in quest’ottica, a breve saranno pubblicati dal MISE dei nuovi Bandi sui principali temi dell’innovazione e della ricerca: dallo studio delle applicazioni di nuove fonti di energia all’intelligenza artificiale per la lotta all’evasione fiscale, passando per le diverse tematiche di interesse per le scienze della vita.

Dopo questi interventi introduttivi si è passati alla presentazione dei 12 Cluster Tecnologici Nazionali. Amleto D’Agostino, in rappresentanza del Cluster Alisei, ha illustrato la compagine societaria, la governance e i settori che sono rappresentati all’interno del nostro Cluster, oltre a evidenziare quelli che sono i principali indirizzi su cui il Cluster sta lavorando in questo periodo.

A seguire una tavola rotonda con le aziende pubbliche partecipate, dove è stato affrontato il tema dell’innovazione e della ricerca in questa tipologia di imprese con esempi e casi concreti. Si è parlato anche di come le aziende pubbliche possano consolidare le infrastrutture della ricerca nel nostro Paese.

Hanno chiuso la giornata due interventi: uno da parte dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Lazio che ha evidenziato, con numeri alla mano, come le Regioni abbiano un ruolo determinante nell’aggregare i soggetti pubblici e privati sul territorio; il secondo da parte della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, che ha ribadito la necessità della collaborazione tra pubblico e privato, dove l’Università è pronta a fare la sua parte.

Il Vice Ministro Fioramonti ha infine tratto le conclusioni della discussione e ha sottolineato come sia venuto il momento di “invertire la rotta” mettendo al centro delle politiche la ricerca, facendo sistema e non indugiando oltre sui tempi. Ciò “va fatto adesso e non tra dieci anni” perché è importante che la nostra ricerca, già di ottimo livello, faccia un salto di qualità in Europa e nel mondo. Concludendo ha dato la sua piena disponibilità ad accompagnare i Cluster in questo percorso.