Concluso con successo Meet in Italy for Life Sciences 2019

Brokerage Event

Si è tenuta a Trieste dal 16 al 18 ottobre scorso la sesta edizione di Meet in Italy for Life Sciences 2019, che ha visto un grande successo di operatori del settore. Oltre 1.600 incontri bilaterali, 400 organizzazioni provenienti da 31 Paesi, 40 espositori e 30 workshop e una conferenza internazionale dove sono emersi spunti molto interessanti.

La conferenza internazionale del 16 ottobre, dal titolo “Dalla genomica all’epigenomica: il futuro della medicina”, ha evidenziato come le nuove tecnologie stanno rapidamente cambiando l’approccio della medicina. Si è discusso di diagnostica sempre più personalizzata, di imaging molecolare, di studi di epigenetica che evidenziano come l’ambiente, l’alimentazione e gli stili di vita possano influenzare l’espressione del nostro genoma e variare il grado di rischio nei confronti delle più comuni patologie complesse: dai tumori all’Alzheimer, dall’obesità alle malattie autoimmuni.

Oltre alla conferenza internazionale che ha aperto i lavori, i partecipanti a Meet in Italy 2019 hanno avuto un’occasione importante di networking. Vi sono stati oltre 1.600 incontri bilaterali, organizzati in collaborazione con l’Enterprise Europe Network, in cui start-up, aziende, istituti di ricerca pubblici e privati e investitori si sono confrontati su temi strettamente legati al business ponendo le basi per possibili future partnership. Le realtà presenti, appartenenti ai settori della farmaceutica, della nutraceutica, delle biotecnologie, dei dispositivi medici e, più in generale, del settore della medicina e del benessere, hanno animato per tre giorni i locali del Molo IV, predisposti per l’evento.

Nell’ambito dell’Italian Healthcare Venture Forum, organizzato in collaborazione con TechTour, sono state premiate 6 start-up. Tra le 20 start-up finaliste, provenienti da 6 Paesi – una da Austria, Regno Unito e Bulgaria, 2 da Finlandia e Germania e 13 dall’Italia – la giuria di esperti composta da Venture Capitalist ed esperti in digital health, medtech, biotech e pharma – ha premiato Atlas Biomed Group, Exosomics, M2Test, Hospitex Internazional, SynDiag e Transactiva.

Atlas Biomed è un’azienda che applica le più recenti tecnologie genetiche per ispirare i consumatori a un cambiamento positivo dello stile di vita e condurli verso un futuro più sano. A tal fine, Atlas Biomed dispone di due test: l’Atlas DNA Test e l’Atlas Microbiome Test. Entrambi confluiscono nella piattaforma Atlas, che permette di assumere il controllo della propria salute attraverso consigli pratici e personalizzati.

Exosomics è un’azienda leader nell’innovazione che svolge attività di R&S nel campo dei biomarcatori associati agli esosomi, con particolare attenzione allo sviluppo e alla validazione di test multiplex immunometrici proprietari per la diagnostica oncologica non invasiva e dispositivi di monitoraggio e point of care per lo screening dei tumori. Sviluppano anche array per la diagnostica in collaborazione con le aziende farmaceutiche.

M2Test fornisce un servizio a ortopedici e altri specialisti delle malattie ossee per una valutazione più accurata del rischio di frattura ossea per i pazienti. Il prodotto, BESTESTESTEST, è un test innovativo che valuta la qualità ossea a partire da una biopsia virtuale del paziente; si basa su un’architettura client-server con cloud computing, che separa il software di imaging da quello dedicato al calcolo e alla generazione della risposta.

Hospitex International sviluppa e commercializza soluzioni innovative per il mercato IVD con particolare attenzione alle nuove tecnologie quali biologia molecolare e citologia a base liquida in particolare.

SynDiag  sviluppa una tecnologia per promuovere la trasformazione digitale in ginecologia. Attraverso la piattaforma digitale, SynDiag porta ai medici conoscenze all’avanguardia, dati di imaging medico di alta qualità e tecnologia basata sull’IA per la pratica clinica. Il cancro ovarico è la prima patologia affrontata essendo il tumore ginecologico più letale e la sesta causa di morte tra tutti i tipi di tumori a livello globale.

Transactiva è una microimpresa di ricerca e sviluppo che opera nel campo delle biotecnologie farmaceutiche che sviluppa e realizza piattaforme tecnologiche per la produzione di proteine terapeutiche attraverso una tecnologia nota come Plant Molecular Farming (PMF). Transactiva sviluppa prototipi di bioreattori verdi (per la produzione di proteine terapeutiche) che vengono successivamente scalati insieme ai partner industriali.

Al termine della conferenza internazionale è stato annunciato il soggetto vincitore della call per l’organizzazione dell’edizione 2020: la Regione Liguria con il Comune di Genova.