Assistere i malati di SLA: Liquidweb, affiliata TLS vince due premi in una settimana

PHDA19

Continua ad allungarsi l’elenco dei premi conferiti al dispositivo dell’azienda Liquidweb in virtù delle sue ormai riconosciute caratteristiche tecniche all’avanguardia e dei benefici riscontrati sul campo nell’assistenza ai malati in presenza di gravi patologie come tetraplegia, Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), Sclerosi Multipla, e distrofie muscolari di diversa natura.

L’azienda ritira due importanti premi in pochi giorni:

La vincita di 5.000 euro sarà destinata a supportare un’associazione di pazienti che si vorrà dotare di un dispositivo Braincontrol AAC da far ruotare tra i pazienti che ne faranno richiesta, in attesa dei tempi, di attivazione dell’ASL di riferimento. Un modello già testato con successo in Emilia-Romagna.

L’azienda sta già studiando un dispositivo ‘Avatar’ che consenta a questi pazienti di visitare ‘virtualmente’ città e musei proprio come se si trovassero sul posto.

BrainControl è un dispositivo medico CE che consente il controllo di tecnologie assistive anche mediante impulsi cerebrali (Brain Computer Interface). Funziona come un “joystick mentale” per le persone affette da malattie che le paralizzano completamente o in parte, ma non ne intaccano le capacità intellettive. Non richiede la vista ed il movimento fisico ed è attualmente l’unico dispositivo adatto alle persone in stato Locked-In (LIS) o Complete Locked-In (CLIS). È rivolto, innanzitutto, a persone affette da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), sclerosi multipla, tetraplegia e altre malattie neuromuscolari degenerative o distrofie da lesioni ischemiche o traumatiche.

Il sistema offre già oggi la possibilità di comunicare a livelli inimmaginabili fino a pochi anni fa e con i nuovi prototipi sarà presto possibile muovere dispositivi esterni come la sedia a rotelle, interagire mediante internet, accendere o spegnere le luci, perfino aprire o chiudere porte e finestre.

Un rilevante miglioramento di vita per le persone con gravi disabilità motorie ed i loro care-giver. BrainControl è quindi uno straordinario strumento di inclusione sociale, non è invasivo, è portatile ed è semplice da usare essendo composto da un comune tablet, un leggero caschetto EEG wireless, senza gel. BrainControl può essere posto a carico del Servizio Sanitario.